Come diventare copywriter

Percorso, formazione e lancio sul mercato

Ti chiedi come diventare copywriter, ma non sai come fare?

Magari il primo dubbio che ti viene in mente è se sia possibile vivere con la scrittura. Forse sei tra quelle persone che, in passato, ha tentato la carriera del giornalismo: ma il selvaggio precariato e l’eterna crisi dell’editoria ti hanno fatto desistere.


Oppure, ami dilettarti nello scrivere racconti, saggi e articoli. Ma che tu possa essere pagato per questo resta un sogno proibito.

Beh, posso dirti una cosa.

Puoi vivere scrivendo testi. Ed essere anche ben pagato. Conosco molte persone che lavorano con successo come copywriter.


Se quindi hai un’idea di diventare anche tu una figura del genere, fai bene.

Nell’era post Covid, il copywriting è una delle skill più richieste sul mercato del lavoro. Questo perché le aziende hanno un disperato bisogno di avere una buona reputazione online, ma soprattutto di vendere i propri prodotti e servizi. E come possono farlo, se non attraverso una comunicazione efficace?

Inoltre, secondo Microsoft, nei prossimi anni quella del copywriter sarà una delle figure più pagate tra quelle digitali. 

Ma come si diventa copywriter? Quali studi bisogna seguire? Come ci si lancia in un mercato con tanta domanda ma con un’agguerrita concorrenza?

Continua a leggere per scoprirlo e avviare la tua carriera come scrittore digitale!

SEO COPYWRITING E COPYWRITING: LA DIFFERENZA

Anzitutto, devi avere bene in mente una cosa: vuoi diventare un Seo copywriter o un copywriter puro?

Anche se hanno nomi simili, non si tratta della stessa figura professionale (anche se una sola persona può ricoprire entrambi i ruoli).

Vediamo ora la differenza:

SEO COPYWRITER

Il Seo copywriter scrive contenuti per i siti web in ottica SEO. In altre parole, lo scopo di questo tipo di scrittura è redigere testi ottimizzati per i motori di ricerca (in particolar modo, Google).


Questo significa creare contenuti contenenti le parole chiave (o keywords) che intercettino gli intenti di ricerca degli utenti.

Questi intenti possono essere di tre tipi:

  • Informazionali: le persone cercano informazioni su un determinato argomento
  • Navigazionali: gli utenti cercano un determinato brand che conoscono (es. Coca cola)
  • Transazionali: si cercano dei siti per compiere azione di tipo commerciale (ordinare un libro, prenotare un hotel)

Il SEO Copywriter, dopo un’attenta analisi del mercato di riferimento, scrive testi per i siti web che si posizionino in modo ottimale sui motori di ricerca.

Una volta fatto questo, quando qualcuno cerca qualcosa attraverso l’uso di una o più keywords, troverà proprio quel testo che contiene gli argomenti a cui è interessato.

Chiaramente, per essere premiati da Google bisogna seguire tutta una serie di regole, note come “SEO best practice”. Il motore di ricerca esaminerà una pagina web cercando di capire:

  • L’argomento trattato
  • La validità dei contenuti
  • Il rispetto di alcune regole (struttura della pagina, title, leggibilità, ecc).


Per questo motivo, un SEO Copywriter è una figura molto importante per un’azienda. Solo una persona esperta che conosce a fondo gli algoritmi dei motori di ricerca può produrre contenuti web che poi vengono trovati e letti dagli utenti.

COPYWRITER

Il copywriter fa la stessa cosa della sua controparte SEO: scrive testi.

La differenza sostanziale è che il copywriter ‘puro’ lo fa con uno scopo diverso: persuadere il lettore a compiere un’azione (iscriversi a una lista, comprare un prodotto, guardare un webinar).

In poche parole, quando parliamo di ‘copywriter’ ci riferiamo al pubblicitario tradizionale. Sì, uno di quei tizi semimitologici che passano tutto il tempo dietro la scrivania a fare una cosa: scrivere tremila volte un testo finché non suoni convincente al pubblico.

Ecco, il pubblicitario tradizionale è ancora oggi presente, anche se spesso non è vestito in giacca e cravatta tipo i personaggi di ‘MadMan’ (serie tv ambientata nell’America anni ’60).

Oggi le aziende hanno più che mai la necessità di vendere i propri prodotti e servizi su Internet. Di conseguenza, c’è una grande richiesta di figure che sappiano giocare con le parole per convincere le persone a comprare: i copywriter, appunto.

Ma quali caratteristiche deve avare un copywriter?

Una figura del genere, oltre a conoscere in maniera impeccabile la lingua italiana, deve essere in grado di produrre testi che emozionino i lettori.

Per fare questo il copywriter deve essere in grado di:

  • Sfruttare le leve emotive
  • Conoscere bene il pubblico a cui si riferisce
  • Usare il giusto tono di voce (o tone of voice)
  • Perfetta padronanza delle figure retoriche
  • Ottime capacità di storytelling

Inoltre, devi sapere una cosa: di copywriting non ce n’è un solo tipo. Ci sono varie scuole e stili di pensiero che hanno un approccio diverso al testo e al modo di comunicare con il pubblico.


In linea di massima, i maggiori stili di copywriting sono tre:

  • Copywriting persuasivo: si focalizza sul convincere il lettore attraverso un’opera di educazione su un prodotto o un servizio
  • Copywriting a risposta diretta: il tipo di scrittura che va dritto al sodo cercando di far compiere subito un’azione al destinatario
  • Neurocopywriting: tipo di copywriting che cerca di influenzare il lettore basandosi sui principi delle neuroscienze

Un’azienda in grado di assicurarsi i servizi di un ottimo copywriter può vedere aumentare il proprio fatturato in modo consistente.

Ecco perché questa figura è sempre più richiesta sul mercato del lavoro.

BISOGNA ANDARE ALL’UNIVERSITA’ PER DIVENTARE COPYWRITER?

Molte persone si fanno questa domanda prima di buttarsi sul campo, perdendosi in mille cavilli mentali e preoccupazioni dal fatto di non aver conseguito quella specifica laurea, o non aver mai messo piede in una facoltà.

La risposta è semplice: una laurea non fa male, ma non è necessaria per diventare buoni copywriter.


Da sottolineare come non esistono facoltà universitarie dedicate alla SEO o al copywriting (almeno, non in Italia!). Ma soprattutto, non esistono facoltà che ti fanno diventare il nuovo Ogilvy o Stephen King.

Se però senti la necessità di avere una buona base culturale su cui poi costruire qualcosa con formazione aggiuntiva, allora conseguire una laurea può essere una buona strada.

Anche in questo caso però, non esiste un corso di laurea specifico. Molte persone hanno intrapreso una carriera di successo (sia lato SEO che copywriting puro) dopo aver frequentato corsi come Lettere, Filosofia, Scienze della Comunicazione, Lingue, Ecc.

Tuttavia, ci sono tante persone che hanno saltato a piedi pari il percorso universitario e lavorano con successo nel campo della comunicazione (specialmente come freelance).


In definitiva: una laurea (presa con impegno) può aiutarti, ma non ti rende un copywriter.

QUALE FORMAZIONE PER DIVENTARE COPYWRITER?

Che tu voglia diventare un SEO copywriter o un copywriter puro, una cosa è certa: devi sudare parecchio.


Questo perché non basta mettersi di fronte a uno schermo e scrivere le prime cose che ti vengono in mente.

Infatti, devi conoscere molto bene tutti i principi che rendono un testo coinvolgente, emozionale, e che risponda alla perfezione con gli intenti di ricerca degli utenti.

Anzitutto, che tu voglia essere copywriter lato SEO o persuasivo, dovrai in ogni caso avere una buona base di entrambi gli approcci.


Un testo SEO deve saper indirizzare il lettore verso un obbiettivo con elementi persuasivi: anche una guida all’uso di una motosega deve cercare di favorirne l’acquisto sulla e-commerce che la vende.

Una Landing page invece deve contenere quelle parole chiave ricercate dall’utente.

Per questo motivo, un buon inizio può essere seguire un corso di Digital Marketing generale, per avere delle fondamenta solide sulla materia.

SEO COPYWRITER: CORSI E LIBRI

Nel caso tu voglia specializzarti sul lato SEO, puoi frequentare molti corsi in rete.

Essendo però una materia complessa, ti consiglio optare per veri e propri master dedicati alla SEO.

Tra i migliori in circolazione ti segnalo:

Questi corsi vantano docenti di primo ordine sul panorama SEO. Puoi imparare come funzionano gli algoritmi dei motori di ricerca, nonché acquisire tutte le strategie per scrivere ottimi testi in ottica SEO che vengono premiati dai motori di ricerca e apprezzati dagli utenti.

Nel caso però non puoi frequentare uno di questi corsi, puoi sempre dedicarti allo studio da autodidatta acquistando libri sulla SEO.

COPYWRITER: CORSI E LIBRI

Discorso un po’ differente se vuoi essere un copywriter persuasivo, a risposta diretta o neurocopy.

Copywriter persuasivo

Studio Samo nel suo pacchetto propone anche corsi di Copywriting persuasivo. In alternativa, su Udemy ci sono molti corsi che ti possono fornire buone basi a prezzi modici.

Copywriting a risposta diretta

La massima autorità al momento è Marco Lutzu. Sappi però che i suoi corsi non sono alla portata di chiunque, essendo molto costosi. In alternativa, puoi acquistare uno dei suoi libri.

Neurocopywriting

Al momento, corsi ufficiali dedicati a questa disciplina non esistono ancora (in Italia). Puoi comunque cercare corsi di Neuromarketing (per esempio, su Carriere.it). Inoltre, ci sono ottimi testi al riguardo, tra cui “Neurocopywriting” di Marco La rosa.

In ogni caso, ti suggerisco di imparare alla perfezione la lingua inglese. Questo per due motivi:

  1. Puoi imparare a scrivere in inglese e rivenderti sui mercati esteri
  2. Puoi leggere i testi dei più grandi copywriter americani mai tradotti in italiano

COME LAVORARE COME COPYWRITER: DIPENDENTE O FREELANCE?

Dopo che hai scelto chi vuoi essere e come formarti, resta il passo finale: buttarti nella mischia e iniziare a lavorare.

Ci sono due vie: quella da dipendente e quella da freelance.

Dipendente

In questo caso, puoi iniziare a bussare alle porte delle agenzie di comunicazione. Fai una ricerca su quelle presenti nella tua città, visita i loro siti e vedi se ci sono offerte di lavoro.

Sappi però che entrare in questi ambienti non è semplice. Gli standard richiesti sono piuttosto elevati (almeno una laurea triennale, e in molti casi un master). Inoltre, spesso cominci con uno stage non retribuito o con un piccolo rimborso spese.

In ogni caso, hai l’occasione di essere affiancato da personale senior che può trasmetterti trucchi e strategie derivati da anni di esperienza. Se ti impegni e al responsabile piaci, in seguito potresti essere assunto, avendo la possibilità di crescere in un contesto strutturato.

Freelance

Qui il centro sei solo tu.  Tu decidi quando, come, per chi lavorare, ma soprattutto quanto farti pagare.

Chiaro che prima di fare questo la gavetta è lunga. Dovrai girare il web in lungo e largo e proporre i tuoi servizi a qualcuno che li richiede. O meglio ancora, prendere tu l’iniziativa e contattare l’amministratore di un sito spiegandoli cosa non va nella sua comunicazione.

All’inizio devi essere umile e cauto, cercando di non allargarti con i prezzi (sei pieno di concorrenti pronti a rivendersi per ancora di meno).


Inoltre, dovrai trovare un modo per differenziarti rispetto alla massa, in modo da distinguerti agli occhi dei potenziali clienti. Un esempio? Specializzati in una nicchia poco esplorata dove puoi diventare un’autorità del settore.

Ricorda poi di curare il tuo personal brand sui social (specialmente Linkedin): spesso è da lì che vengono molti potenziali clienti.

Infine, ci sono molte piattaforme ideate per i freelance, tra cui:

  • Fivver
  • Digitazon
  • Upwork

All’inizio non è facile e devi fare molti sacrifici. Ma se i clienti apprezzano il tuo lavoro, parleranno di te con altre persone. E sarà il lavoro a venire a cercarti.

PIÙ POPOLARI

COME GUADAGNARE CON L’E-COMMERCE? CON LA SEO.

Ti stai chiedendo come guadagnare con l'e-commerce, ma non trovi alcuna risposta? Vuoi investire in advertising, ma non hai...

Come diventare copywriter

Percorso, formazione e lancio sul mercato Ti chiedi come diventare copywriter, ma non sai come fare? Magari il primo dubbio...

SEOZoom: guida introduttiva al tool leader nella SEO in Italia

SEOZoom è uno dei tool SEO più famosi in Italia, rilasciato nel 2015 da Ivano di Biasi e Giuseppe...

Dashero: i tuoi asset digitali in un’unica Dashboard

È uscita sul mercato una nuova piattaforma, una nuova dashboard per il cashflow: Dashero. Le finanze degli imprenditori digitali...

Nomadi digitali. Viviamo. Lavoriamo. Viaggiando

Vivere, lavorare viaggiando. Analizziamo la vita fuori dagli schemi, senza limiti, di chi ha scelto di essere nomade e...