Il business dei bouquet di frutta

Articolo scritto da -

edible-arrangements-2-333x250Se l’unica composizione artistica che sapete fare con la frutta è lo spiedino infilzato nell’ananas siete sulla buona strada. Prima di alzarti a fine pasto e dichiarare a tutti che vuoi lanciarti nel business di bouquet di frutta leggi la storia che vogliamo raccontarti oggi e che ci ha lasciati senza parole (e con l’acquolina in bocca).

Tariq Farid ha 46 anni, è originario del Pakistan, ma vive negli Stati Uniti dal 1981. La sua storia è straordinaria perché devi sapere che prima di diventare proprietario di un’azienda che ha 1.000 punti vendita in tutto il mondo, Tariq lavorava da McDonald’s. Si è stancato molto presto di girare hamburger sulla piastra e salare patatine fritte, infatti a 17 anni si è messo in proprio e ha aperto un negozio di fiori facendosi aiutare dai suoi genitori.

In breve gli affari vanno così bene che Tariq Farid apre cinque punti vendita e reinveste tutti i soldi guadagnati con l’attività. Un giorno decide di provare qualcosa di nuovo: bouquet di frutta per compleanni, eventi aziendali, anniversari ed eventi in generale. Tariq aveva notato che stava crescendo il consumo di frutta, inoltre tra i trend del momento vi era il “cibo sano” e i regali consapevoli.

L’intraprendente fiorista si mette alla ricerca di finanziatori ma il risultato è disastroso: qualcuno gli ride in faccia, altri gli chiudono la porta. I clienti più affezionati tentano di dissuaderlo dicendogli che mai nessuno aveva tentato un business del genere e probabilmente c’era un motivo ben preciso. Demotivato e arrabbiato, il giovane Tariq si presenta a casa della madre con un bouquet di frutta e la donna è così sorpresa dalla bellezza di quella composizione che incoraggia il figlio a proseguire su quella strada folle.

Si rivolge ancora una volta alla sua famiglia per un piccolo prestito e sparge la voce anche tra i suoi amici, inoltre investe anche una parte dei ricavati dei negozi di fiori. Nel 1999 nasce il primo “Edible Arrangements”. Nel 2009 Tariq Farid ha ricevuto il premio come miglior imprenditore dell’anno e il suo business vale più o meno 500mila dollari.

Cosa ci insegna questa storia? Che a volte essere “testardi come un mulo” serve e che il parere della mamma vale più di un esperto di business.

Ed ora un po’ di link:

http://www.tariqfarid.com/

https://www.ediblearrangements.it/

Commenta Qui sotto

Valeria Martalò

Blogger e Web Writer. Racconta, su Quintuplica, le storie vere di chi ha cambiato vita, grazie a una nuova professione o avviando un'attività.

Condividi!

Condividi questo post con i tuoi amici!